Potente, sonora, rauca, la lastra del cervo annuncia dall'inizio dell'autunno il corteggiamento tra i cervi. E come Altiligeriano, è un rito ogni anno andare con la famiglia ad ascoltare la lastra nelle Gorges de l'Allier.

Immersione in terre selvagge con la lastra del cervo, nelle Gorges de l'Allier

I bambini appena usciti da scuola, ci precipitiamo verso il piccolo villaggio di Alleyras, picnic al mercato nel bagagliaio. La strada tortuosa fiancheggiata da legni duri nei toni rosso-ocra è magnifica. Arrivati ​​in paese, prendiamo un piccolo sentiero per arrivare al nostro punto di osservazione. Alcune persone sono già all'erta, binocolo in mano. Sta arrivando il crepuscolo e iniziamo a vedere un raduno di cervi in ​​una radura. Siamo tutti colpiti dalla loro grazia e agilità. Sentiamo la fragilità del momento. Un rumore di troppo e scappano.

Le gole dell'Allier

Vibravano al suono della lastra

Scende la notte, gli occhi si abituano all'oscurità e le orecchie si aguzzano. Aspettiamo che entri in scena il signore dei boschi. All'improvviso risuona un grido rauco che interrompe il silenzio della notte. Le grida si ripetono e si avvicinano. Sento la manina di mia figlia stringersi nella mia. E anch'io, sento il cuore che batte forte, è come se fosse davvero vicino. I nostri occhi possono cercarlo, sentiamo solo il rantolo dell'animale ancora nella foresta. Forse ha avvertito la nostra presenza e sta in guardia? È quasi buio pesto, stasera non vedremo il Re delle Foreste. Siamo già ben soddisfatti e, a passi morbidi, riprendiamo la via del ritorno. Finestrini spalancati, stiamo ancora ascoltando!

Stasera, di sicuro, le Gorges de l'Allier hanno vibrato al suono della lastra!

Torneremo… Inoltre, ci sono molti modi per osservare e ascoltare la lastra.

All'osservatorio di Arlet che si protende nella valle del Cronce. Uno sport ideale e di libero accesso per osservare con il binocolo, l'animale con la testa fornita di legni ramificati.

In un piccolo gruppo, possiamo optare per una guida che si è occupata in precedenza di individuare i passaggi del cervo e portarci così in un punto in cui siamo sicuri di osservarlo. Vestiti molto calorosamente, siamo tutti orecchi per ascoltare il nostro naturalista che ci racconta il biotopo e il ritmo della vita dei cervi.

Da naturalista in erba, Rémi impara a individuare le tracce di cervi e altri mammiferi dei boschi: teschi, avanzi di cibo, impronte sono indizi che per lui non hanno segreti. Maggiori informazioni dalla Casa degli Uccelli e della Natura.

Lastra di cervo ma anche aquile, albanelle, marmotte, è tutto un mondo selvaggio che appassionati e scienziati ci fanno addomesticare secondo le uscite del Una piccola guida maliziosa a gite nella natura nell'Alto Loire.

Questo contenuto ti è stato utile?